Causa di servizio · Equo indennizzo · Pensione di inabilità · Pensione privilegiata · Dovere e Terrorismo · Studio Legale Associato Guerra

Cos’è?
L’equo indennizzo è un beneficio economico che spetta al dipendente civile e militare che abbia perso la propria integrità fisica per causa di servizio.

Chi ne ha diritto
Può beneficiare dell’equo indennizzo chi ha perduto l’integrità fisica per una causa di servizio ascrivibile ad una delle categorie della Tab. A e B annesse al d.P.R. 915/78 e successive modificazioni.


Domanda del dipendente e termini di presentazione
La richiesta di equo indennizzo può essere successiva o contestuale alla domanda di accertamento della causa di servizio, ovvero può essere prodotta nel corso del procedimento di riconoscimento, entro il termine di dieci giorni dalla ricezione della comunicazione della trasmissione degli atti al Comitato di Verifica delle Cause di Servizio. In questo ultimo caso, il procedimento si estende alla definizione della richiesta dell’equo indennizzo. Diversamente, la pronuncia sarà limitata alla sola dipendenza dell’infermità.
La domanda deve essere presentata non oltre il termine di sei mesi, a decorrere dalla data di notifica o di comunicazione del provvedimento di riconoscimento della dipendenza dell’infermità o lesione da causa di servizio.
Il termine semestrale decorre dalla chiara consapevolezza del dipendente di avere contratto la malattia quale conseguenza della prestazione del servizio.
Ai fini della decorrenza del termine non basta la percezione della malattia ma occorre la piena conoscenza della stessa. Per tale motivo, in sede di accertamento, la Commissione Medica è tenuta a pronunciarsi sulla data di conoscibilità dell’infermità da parte del dipendente, sulla stabilizzazione dell’infermità stessa e sulla tempestività della domanda.

Il nostro studio
Da oltre 60 anni siamo al servizio dei servitori dello Stato: come avvocati, questo è il nostro impegno professionale e morale. Da tre generazioni, ci occupiamo di diritto pensionistico pubblico in ambito civile, militare e di guerra. Visita il nostro sito www.avvocatoguerra.it e scopri come il nostro studio può aiutarti a far valere i tuoi diritti.
Avv. Paolo Guerra
Avv. Maurizio Maria Guerra
Provvedimento
L’equo indennizzo è concesso con provvedimento dell’Amministrazione di appartenenza.
In caso di esito negativo, il provvedimento può essere impugnato dinanzi alla competente autorità giurisdizionale che varia a seconda che si tratti di dipendente civile o militare.

Come si determina
Dal 1.1.1997 al 31.12.2005, per la prima categoria l’equo indennizzo è pari a 2 volte l’importo dello stipendio tabellare iniziale alla data di presentazione della domanda.
Nella retribuzione tabellare non è compreso ogni altro elemento aggiuntivo come la R.I.A., le classi e gli scatti di anzianità, l’indennità integrativa speciale, la tredicesima mensilità e i compensi accessori.
Per le categorie dalla seconda alla ottava, invece, l’equo indennizzo viene liquidato in percentuale decrescente.
Dal 1.1.2006 si considera il solo importo dello stipendio tabellare in godimento alla data di presentazione della domanda.

Domanda d’aggravamento ai fini dell’equo indennizzo
Per la domanda d’aggravamento ai fini dell’equo indennizzo occorre tener conto, in particolare, di quanto precisato con circolare 30.7.1993 n. 1100/MI – 10/10 del Ministero della Difesa.
Nel caso di aggravamento della menomazione dell’integrità psico-fisica per la quale è stato concesso l’equo indennizzo, a domanda degli interessati l’Amministrazione può provvedere, per una volta sola, alla revisione dello stesso.
La domanda deve essere presentata entro cinque anni a decorrere dalla data della comunicazione del decreto relativo alla prima concessione.

Altri beneficiari
La domanda per l’equo indennizzo può essere presentata anche dagli eredi del dipendente pubblico e del pensionato entro sei mesi dal decesso, purché l’evento sia giudicato dipendente o interdipendente da causa di servizio. In tal caso, l’indennizzo agli eredi è determinato nella misura massima prevista per le menomazioni ascrivibili alla prima categoria.

Riduzione dell’equo indennizzo
L’equo indennizzo è ridotto del 25% o del 50% se il dipendente ha superato il cinquantesimo o il sessantesimo anno di età al momento dell’evento dannoso. A tal fine bisogna fare riferimento al tempo in cui si è verificato il danno, essendo irrilevante che l’accertamento della dipendenza avvenga in un momento successivo.
L’equo indennizzo è altresì ridotto del 50% se il dipendente ottiene contestualmente la pensione privilegiata mentre, in caso venga riconosciuta in un momento successivo, l’eccedenza è recuperata con trattenute mensili sulla pensione.
Il trattamento è altresì proporzionalmente ridotto nel caso di eventuali somme percepite da assicurazioni a carico dello Stato o di Pubblica Amministrazione, o percepite da società assicurative in base a polizze stipulate da terzi responsabili.
La riduzione non si applica agli eredi nel caso di concorrenza con la pensione privilegiata, quando il credito relativo all’equo indennizzo sia sorto in capo al dipendente poi deceduto, senza subire concorrenza del diritto al trattamento privilegiato di cui il medesimo dipendente abbia potuto fruire.

Divieto di cumulo
L’equo indennizzo non è cumulabile con la eventuale rendita INAIL per malattia professionale.

Regime tributario
L’equo indennizzo ha natura risarcitoria per un danno sofferto a causa di servizio, e come tale non è assoggettato all’imposta sulle persone fisiche.

Note Legali · News · La tua Storia  | Privacy policy  | Copyright © 2008 Studio Legale Associato Guerra
P. Iva: 01255900431